Icona RSS Icona-facebook Icona-twitter Follow Me on Pinterest Follow Me on Vimeo

29 gennaio 2014

Tron, la console low-cost di Huawei



Huawei, colosso cinese delle telecomunicazioni e della tecnologia, ha pensato di allargare il portfolio di prodotti affacciandosi nel mondo dei videogiochi. Lo ha fatto, ovviamente, alla sua maniera, con una proposta accessibile anche ai budget più ridotti: il Tron.


Il design della nuova console porterà sicuramente alla mente di molti di voi un altro recente gingillo tecnologico, ma al di là dell'estetica quello che interessa è il contenuto del case cilindrico. Huawei Tron ruota intorno ad un processore Tegra 4 della Nvidia, supportato da 2 GB di Ram e da una memoria fisica di 16 o 32 GB, a seconda dell'allestimento. Completano l'equipaggiamento una porta USB 3.0, il WiFi  802.11 ac, un'uscita HDMI a 1080p e la connettività Bluetooth 3.0.



Il sistema operativo è Android 4.2.3, mentre la periferica di gioco è un pad dalla forma davvero ergonomica, in cui Huawei è riuscita ad inserire addirittura un'area touch per facilitare la navigazione nei menù. Tron sarà disponibile inoltre nelle due colorazioni bianca e nera.

Le specifiche in sé potrebbero sembrare quelle di una normale console di fascia media, ma l'asso nella manica si rivela al momento dell'acquisto: Huawei conta di commercializzare il modello ad un prezzo inferiore a 120 $, il che porterebbe Tron a competere con console simili, ma dal prezzo superiore, o ad avere una marcia in più nella propria fascia di costo.


Ovviamente non è tutto oro ciò che luccica. Al momento, il suo punto debole - che è anche il tallone d'Achille di quasi tutte le console Android - è rappresentato dalla mancanza di titoli significativi. L'offerta iniziale presenta pochi giochi, tra cui uno di azione, Red Blade, ed uno sparatutto contro i soliti zombie mangiacervelli intitolato Dead Trigger 2.


In attesa di scoprire se Tron arriverà anche sul mercato europeo, ci auguriamo che prodotti come questo aprano la via ad una generazione di console che possano offrire una valida alternativa alle piattaforme più blasonate.

foto: theverge