Icona RSS Icona-facebook Icona-twitter Follow Me on Pinterest Follow Me on Vimeo

4 marzo 2014

Un telefono, due schermi. YotaPhone 2!

Chissà se Giano, divinità latina raffigurata con due teste perché in grado di vedere il passato ed il futuro, avesse previsto che sarebbe stato fonte di ispirazione per uno smartphone: ecco YotaPhone 2.

In realtà, l'innovativa idea di introdurre un secondo schermo risale già a vecchi modelli a conchiglia, con l'intento di dare una notifica rapida sui messaggi e le chiamate entranti, ed era stata ampliata sin dalla prima versione di YotaPhone, con uno schermo posteriore dedicato a questo tipo di servizio.

È però in questa nuova versione, presentata pochi giorni fa al MWC, che quasi si ribaltano i ruoli, con il display 'secondario' che diventa il centro nevralgico del sistema. Con una superficie completamente touch da 4.7 pollici di diagonale per una risoluzione qHD di 960x540, lo schermo è di tipologia e-ink, simile a quelli che troviamo sugli e-book reader, ed è studiato per rimanere sempre attivo. Oltre a ricevere informazioni come meteo e appuntamenti, sarà anche possibile rispondere ad email e messaggi, il tutto su sistema operativo Android.

Se a questo sommiamo il display anteriore (AMOLED da 5", 1920x1080), risulta che YotaPhone 2 è per il 74% coperto da schermi. Le altre caratteristiche sono sicuramente da terminale di fascia alta: processore Qualcomm Snapdragon 800, 2GB di Ram, 32GB di memoria fisica, una fotocamera da 8 MP, NFC, e la possibilità di ricarica wireless. Completa la dotazione una batteria da 2550 mAh che consente oltre 50 ore di vita con il display posteriore sempre acceso.

Il rilascio sul mercato europeo è previsto per la fine dell'anno, qualche mese più tardi per quello americano; ancora incerto il prezzo, ma l'Azienda ha garantito un 'significativo sconto' ai possessori della prima generazione di YotaPhone che vorranno effettuare l'upgrade.



foto: bgr