Icona RSS Icona-facebook Icona-twitter Follow Me on Pinterest Follow Me on Vimeo

3 aprile 2014

Cortana, l'assistente personale di Microsoft


Microsoft ha presentato in un evento apposito al Build 2014 il suo assistente personale per i dispositivi Windows Phone: Microsoft Cortana.

La nuova funzione per i comandi vocali prende il nome da un personaggio di Halo, videogioco di punta della stessa Microsoft. Come l'intelligenza artificiale nel gioco, si propone di interpretare al meglio le richieste dell'utente, interpretando le espressioni che si discostino dai comandi standard.

Attualmente in versione beta, non ancora disponibile, quindi, per il grande pubblico, Cortana è la risposta di Microsoft a Google Now e Siri. Quella che potrebbe essere una marcia in più rispetto ai concorrenti è rappresentata dalla contestualizzazione di cui è capace Cortana, in grado di eseguire comandi non solo in momenti predeterminati, ma anche in situazioni "dinamiche".

Un esempio: chiedendo a Cortana di ricordarci di "chiedere ad Anna come sta il cane", il software imposterà un reminder che si attiverà alla prima occasione utile di contatto con Anna, come una telefonata o una conversazione via sms. Inoltre, Cortana sarà in grado di interpretare comandi di tipo colloquiale come "Cosa si dice su Facebook?", oppure "Novità da Paolo su Twitter?", riconoscendo le parole chiave ed aggiornando il proprio repertorio con l'utilizzo.

Al momento, ai suoi colleghi più veterani può solo invidiare l'esperienza maturata, utile per arricchire il vocabolario virtuale e la raccolta di feedback dagli utenti, ma i presupposti ci sembrano ottimi a che Cortana ritagli uno spazio di rilievo nel competitivo panorama degli smartphone.